• Partenza Centro visite Grotte del Caglieron
  • Lunghezza: 4,5 chilometri
  • Ore: 1.30
  • Altezza minima e massima  292 / 441 mt.
  • Dislivello: 225 mt.
  • Facile, con discreto dislivello in partenza.
  • Tenuta comoda e sportiva. Scarpe da trekking.

Download traccia

Scalpellini MappaScalpellini Altimetria BisScalpellini ImmaginePercorso. Partenza dalle Grotte del Caglieron. Si prende la strada provinciale 151 per Vittorio Veneto e 300 mt. dopo il ponte di pietra si arriva all’abitato di Breda. Qui si gira a dx (strada cementata in salita, segnalata con V2) e si segue il sentiero che si restringe man mano che si sale e sbuca su una carreggiata dove si gira a dx. Si prosegue fino a un bivio, dove si gira a sx. Da qui si sale fino alla cima della costa e si svolta a sx sul primo sentiero che si trova lungo il cammino. Si percorre il sentiero fino a una prima biforcazione, dove si gira a dx e una seconda in cui si svolta ancora a dx. Qui si passa a fianco di una prima grotta, terminata la quale alla successiva biforcazione si svolta a sx. Subito dopo si transita davanti ad un’altra grotta, dove si può scendere e passare sotto un grande arco di pietra. Si Continua lungo il sentiero e si arriva a un successivo bivio dove si gira a sx. Da qui si percorre un sentiero all’interno del bosco e si prosegue fino a quando a sx si apre un varco con una vista sulla pianura circostante in direzione di Fregona. Da qui si prende il sentiero a sx che si dovrà percorrere tenendosi sempre a sx (ci sono un paio di biforcazioni) e si ritorna sulla carreggiata dove si era immessi salendo all’inizio del percorso. Si deve far attenzione a non farsi sfuggire le deviazione a dx dove c’è un cartello che indica le grotte poco visibile perché nascosto rispetto a senso di marcia. Si prende il sentiero e si ritorna a ritroso al punto di partenza.

Aspetti storico – naturalistici.  Le “coste”, incluse la cosiddetta “Costa“ di Fregona, sono dei rilievi per lo più collinari, paralleli tra loro, che si sono formati in epoca glaciale ai piedi delle Prealpi venete. Sono costituiti da rocce dure alternate a rocce tenere facilmente erodibili dai numerosi ruscelli che scendono dalla montagna. La Costa d Fregona è disseminata di grotte scavate ad opera dell’uomo per l’estrazione della Piera Dolza.

Accoglienza e ristorazione: Ristorante da Nereo alle Grotte, Il Selvaggio località Piadera, da Milva località Ciser e Cal de Cavai località Piai.

Questo sito utilizza i cookies per garantire una migliore esperienza d'uso. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso di questi ultimi.